La Cucina An(n)archica

..ovvero che cosa sto usando per i miei piatti.

E qualche piccola nota sul perché di questo blog.

20110225

Una cucina a gas marca ‘Lofra’, mia madre non ricorda esattamente in che anno l’ha acquistata. Sicuramente è più vecchia di me, quindi ante 1979. I bruciatori erano nati per l’allacciamento alla bombola, come dimostra lo sportellino sulla destra confermando i miei ricordi. Il forno a gas è deceduto credo da ormai una ventina d’anni.

Dopo una serata di lavoro, e prima di ricevere le amorevoli cure della Mamma

 

Quanto alle bocchette, ora servite dal cosiddetto ‘gas di città’, tre di loro sono stachanoviste seppure un po’ volubili. La quarta sonnecchia o forse dorme per sempre.

Una cucina economica raccattata da chissà dove. La pietra all’interno è lacerata e sofferente. Lo sportello del forno, dove anticamente faceva sfoggio di sé un vetro con termostato, ha dato le dimissioni già all’epoca dello Zio Matto. Il quale, ovviamente, l’aveva sostituito con un pezzo di lamiera. Il modo migliore per disperdere il calore e per ottenere torte emule di giano bifronte: crosta bruciata diametralmente opposta a pasta cruda.

Sapete che vi dico?

Per chi predica la sostenibilità, il ReReRe, il riutilizzo creativo, l’importanza di non produrre rifiuti prima ancora che riciclarli..poteva esistere un’alternativa?

Il pane an(n)archico con Pasta Madre

 

No, mi sentirei incoerente. Già lo sono in tanti aspetti. Cerco sempre di andare alla radice delle cose, di togliere il più possibile, alla Giacometti. Pare che le opere di Giacometti, per inciso, fossero in realtà creazioni del cognato. Gli sottraeva le statue prima che l’artista togliesse tutto, polverizzandole letteralmente. Ecco, non a questi livelli, o forse sì..Il massimo della bellezza per me è nella semplicità. Diventa ineffabile, come mai lo sarà la torta più elaborata, un pezzetto di erba spontanea raccolta a primavera. O una foglietta della stessa, resa immortale dal gelo che vi si è deposto.

La cucina come luogo fisico. In fieri, assolutamente.

Annunci

3 risposte a La Cucina An(n)archica

  1. Carla ha detto:

    Ciao Annalisa, anch’io rimpiango la mia lofra a gas ma soprattutto la cucina a legna sulla quale ho visto cuocere i piatti più buoni e semplici di mia madre e mia nonna!!!!

    • neofrieda79 ha detto:

      Ciao Carla, sono contenta di ritrovarti dopo la cena di ieri sera! Non sai quanto rimpiango la stufa a legna, post-terremoto siamo stati costretti a spostarci in paese e nella casa accidentata vado a cuocere qualche volta..A presto, su queste pagine!

  2. clauscasperh3 ha detto:

    25 Una cucina a gas marca ‘Lofra’, mia madre non ricorda esattamente in … auconforno.wordpress.com

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...