Riso con Pesto al radicchio di Verona – Salutiamoci di gennaio!

Bentrovati a tutti!

A gennaio i radicchi rossi ravvivano i colori plumbei dell’orizzonte carico di nebbia. E in cucina regalano piatti che accendono il desiderio!
Questa ricetta è stata assaggiata e approvata al corso di cui ho parlato qui. Ricordo la possibilità di scaricare il ricettario completo a questo link!

A

Foto: La Socia

Ingredienti per 8-10 persone:

700 g di riso integrale

1,4-1,6 lt di brodo vegetale

olio extravergine d’oliva

sale marino integrale

Per il pesto crudista:

150 – 200 g di radicchio rosso di Verona

100 g di noci sgusciate

6 pomodori secchi (mezzi)

½ cipolla rossa

2 spicchi di aglio

succo e scorza di 1 limone

olio extravergine d’oliva

aceto di mele

sale marino integrale

Procedimento:

Per il pesto crudista: ammollate le noci per una notte; ammollate per qualche ora i pomodori secchi con acqua e un goccio di aceto di mele. Mondate, lavate e tritate finemente tutti gli ingredienti. Radunateli nel boccale del minipimer, alternandoli, a eccezione di olio e aceto e frullate in più riprese. Quando il composto inizia a essere cremoso iniziate a montare unendo l’olio a filo. Se si rivela molto asciutto potete unire qualche cucchiaio di acqua.

Questo pesto crudista è ottimo con preparazioni tipiche della cucina raw, come i crackers di semi di lino, la pizza crudista, il pane esseno (ottenuto con cereale germogliato) o semplicemente con verdure crude a bastoncini, o spalmato su foglie verdi per ottenerne gustosi involtini. E’ anche una buona base per dei panini (cotti) farciti o per condire la pastasciutta o le paste fresche.

Per il riso: se desiderate, potete ammollare in riso integrale in acqua per 7-8 ore. In ogni caso lavatelo e sciacquatelo accuratamente. Calcolate una dose di liquido doppia rispetto al riso e mettetela sul fuoco. Tostate il riso con l’olio e unite il brodo vegetale. Portate a cottura: impiegherà dai 20 ai 30 minuti. Assaggiate, regolate di sale, condite e servite subito o allargate su un’ ampia teglia per fermare la cottura e condite al momento di servire.

Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci di gennaio – l’ormai famoso gioco proposto da 4 bravissime blogger. Per chi non ne fosse a conoscenza, ecco un riassunto: ogni mese viene messo sul trono un ingredienti prezioso per la nostra salute, seguendo i lavori del Prof. Berrino e dello chef Giovanni Allegro. E ogni mese ospita la raccolta un blog diverso, questa volta si tratta della mitica Katiuscia. Già che ci siete, deliziatevi con le sue golose ricette e le splendide foto. Ha anche scritto un libro che mi regalerò a breve!

salutiamoci200Tema di gennaio: gli agrumi. Come non partecipare? Unitevi anche voi!

***

Curioso della mia libreria Anobii?

Eccone una parte: http://www.anobii.com/neofrieda79/books

Chiedi una recensione e ti sarà data!

Altre chiacchiere? Venite ad animare la pagina Fb di Passato tra le mani! Vi aspetto!

E per chi vuole le ricette direttamente in casella di posta, menù nella colonna di destra! Iscrivetevi, e mandatemi i vostri feed-back!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Gluten free, Primi piatti: cereali in chicco - riso, Raw Food, Riso, Salse, Soy-free e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Riso con Pesto al radicchio di Verona – Salutiamoci di gennaio!

  1. Katy ha detto:

    Grazie mille Annalisa, mi piace tanto questa ricetta. Sarà che ultimamente rendo sotto forma di pesto qualsiasi cosa, ma il radicchio ancora non l’ho provato, mi sembra una splendida idea 🙂
    La inserisco subito ^_^

  2. maryonn ha detto:

    Da provare, però per ragioni campanilistiche userò il radicchio di Treviso. Che è meno amaro di quello di Verona e nella mia provincia (Treviso appunto) è quello che trovi più facilmente nella versione bio. Voglio anch’io partecipare a Salutiamoci questo mese, per cui devo pensare a qualche ricetta con gli agrumi.

    • neofrieda79 ha detto:

      Ti leggerò, allora! Io adoro entrambi, ti dico per esperienza che dipende molto dalle condizioni di coltivazione e dalla correttezza del trattamento che, come ben sai, il Treviso deve ricevere. Fammi sapere 😀

  3. Katy ha detto:

    Ciao Annalisa,
    volevo dirti che questa tua ricetta mi è piaciuta particolarmente e l’ho inserita nel post conclusivo di Salutiamoci, col rimando al tuo blog ovviamente
    http://girovegandoincucina.blogspot.it/2014/02/grazie-per-salutiamoci.html
    Grazie ancora per avere partecipato!

  4. letissia ha detto:

    Mi era sfuggita questa tua meraviglia! Il pesto di radicchio è da provare al più presto! Un bacio 🙂

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...