Tartufini dolci autunno-vernini

Una rima piuttosto decadente per una ricetta senza zucchero, che affida la dolcezza unicamente a frutta e tuberi. Eh sì, la base è fornita dalla batata o patata dolce. Che, vi ricordo, non è una solanacea e si può consumare anche cruda!A breve tornerò a proporvela e ad approfondire.

E’ stata proposta come spuntino nel corso di cui vi ho già parlato, il cui ricettario completo è scaricabile a questo link.

8

Foto della Socia

Ingredienti per 8-10 persone:

100 g di mandorle

100 g di uvetta

150 – 200 g di batata*

il succo di 2 arance

la scorza grattugiata di 1 arancia

vaniglia in polvere

1 pizzico di sale marino integrale

Per ripassare:

farina di polpa di carruba

Procedimento:

la sera precedente ammollate le mandorle in acqua. La mattina successiva scolatele e sbucciatele. Ammollate l’uvetta con il succo delle arance per 3 ore. Mondate la batata, passatela al passaverdure. Scolate l’uvetta tenendo da parte il succo. Frullate le mandorle con il succo e unite gli altri ingredienti, eccetto 2 cucchiaini di uvetta. Ottenuto un composto liscio e omogeneo, fatene palline da arrotondare tra i palmi delle mani. Passatele nella farina di polpa di carruba e servite in pirottini da pasticceria. Tenete in frigorifero 2 ore prima di servire, ripassando eventualmente con altra farina se si è troppo assorbita.

*lessata al vapore per 20 minuti

Vi voglio salutare con un segno di speranza, di vita brulicante che stasera tanto mi ha ricordato il periodo pre-terremoto. Anni in cui siamo vissuti in una casetta di campagna da ristrutturare, piena di buchi e di simpatici animaletti. Ipazia chiamava ciascuno per nome. Zeremìa (Geremia) il ranocchio, Guglielmo il piccione viaggiatore, il piccolo Aletzio (Alessio), un gigantesco ragno peloso, le mantidi, le arvicole..C’era anche Bella la Coccinella.

E stasera una sua cuginetta è venuta a visitarci

IMG_0893Intagliarle una casetta golosa ci è sembrato il minimo!

Buonanotte piccola amica, torno a studiare.

IMG_0899

Con questa ricetta partecipo al Contest ‘Idee per il Menù delle Feste’ di Acqua e Menta.

contest01_menù-delle-feste-140x200

Curioso della mia libreria Anobii?

Eccone una parte: http://www.anobii.com/neofrieda79/books

Chiedi una recensione e ti sarà data!

Altre chiacchiere? Venite ad animare la pagina Fb di Passato tra le mani! Vi aspetto!

E per chi vuole le ricette direttamente in casella di posta, menù nella colonna di destra! Iscrivetevi, e mandatemi i vostri feed-back!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Aperitivi e finger food, Dolci: pasticceria fresca, Dolci: pasticceria fresca e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Tartufini dolci autunno-vernini

  1. Daria ha detto:

    Che bontà devono essere questi dolcetti, mai provata la batata in questa versione, sicuramente sarebbe gradita anche alle birbe che comunque già la adorano tal quale al forno o al vapore.

    • neofrieda79 ha detto:

      Sì..i bimbi dopotutto si concentrano sui sapori semplici. Proprio in questi giorni parlavamo di voi, ci mancate!

  2. Marta Martina ha detto:

    Che buone le batate:-) Da provare questa ricetta.

  3. Acqua e Menta ha detto:

    Questi dolcetti devono essere eccezionali, percepisco le loro note fruttate, li proverò di sicuro! Sul pdf che ho scaricato (e che non stamperò!) ho visto che il corso era a Verona, poi hai parlato di terremoto… mi sa che abitiamo vicine!

  4. Pingback: Contest: Idee per il menù delle feste acqua&menta

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...