Crema di zucca e patate

Una ricetta autunno-invernale, testata in quest’occasione, che ci tengo a pubblicare per celebrare la mitica Cesca! Vi ricordo comunque che l’intero menù è scaricabile qui.

3 Un grazie speciale alla socia per la foto!

Ricetta gluten-free, soya -free

Ingredienti per 10 – 15 persone

2 lt di acqua

500 g di zucca, cotta al forno

360 g di patate, cotte al vapore

250 g di fagioli cannellini secchi

2 grossi scalogni

2 foglie di alloro secco

vino biancosecco

noce moscata

salvia

olio extravergine d’oliva

sale marino integrale

Per condire:

i semi della zucca

semi di lino

prezzemolo

Procedimento:

Per il condimento: pestate i semi di lino con un suribachi, immediatamente prima di servire. Tritate le sole foglie del prezzemolo e copritele immediatamente di olio. Per i semi di zucca abbrustoliti: mettete a bagno la polpa filamentosa dell’ortaggio, contenente i semi, per qualche ora. Mondate i semi e metteteli in una pentola con acqua salata che sia 3 volte il loro volume. Fate bollire finché l’acqua evapora. Tostateli in una padella antiaderente o in forno, con un filo di olio. E’ possibile anche unire spezie ed erbe aromatiche, mescolate all’olio: ottimo l’accostamento con paprika o ginepro; o ancora, olio aromatico.

La sera precedente ammollate i fagioli in abbondante acqua. La mattina successiva scolateli, sciacquateli accuratamente e metteteli in pentola a pressione (o qualsiasi pentola dotata di coperchio) con 2,5 lt di acqua nuova e l’alloro. Portate a ebollizione, schiumate, chiudete con il coperchio. Al sibilo abbassate la fiamma e cuocete per 25 minuti. Aggiustate di sale e spegnete.

Mondate la zucca e le patate e tritate entrambe a cubetti. Scolate i fagioli, tenendo da parte il liquido. Mondate e tritate finemente gli scalogni. Saltate con un poco di olio gli scalogni; sfumate con il brodo di cottura dei fagioli e salate leggermente. Sfumate con il vino bianco secco e sbriciolate la salvia. Unite la zucca e lasciate insaporire. Dopo qualche minuto unite le patate, mescolate bene. Unite i fagioli e lasciate insaporire. Terminate con il brodo. Tenete da parte, se desiderate, qualche mestolo con i pezzettoni e frullate il restante composto. Riunite la crema frullata e i pezzi interi, condite con la noce moscata e servite in ciotoline individuali. Cospargete con i semi di lino pestati e servite i semi di zucca e il prezzemolo a parte.

Con questa ricetta partecipo al fantastico Contest che celebra l’inizio del terzo anno di questo interessante blog. Come potete vedere i premi sono ghiottissimi, quindi affrettatevi, perché domani è l’ultimo giorno! Oltre ad averli sempre sottomano, li sto usando come regalo monotematico. Quindi approfittatene perché tra poco vi toccherà aspettare la nuova edizione!

banner ATUTTAZUCCA briciole di cescaqb E se non bastasse Erbaviola a produrvi l’acquolina in bocca, leggete le regole del Contest e godete! Finalmente una lista di richieste ‘vere’. Grazie davvero!

Curioso della mia libreria Anobii?

Eccone una parte: http://www.anobii.com/neofrieda79/books

Chiedi una recensione e ti sarà data!

Altre chiacchiere? Venite ad animare la pagina Fb di Passato tra le mani! Vi aspetto!

E per chi vuole le ricette direttamente in casella di posta, menù nella colonna di destra! Iscrivetevi, e mandatemi i vostri feed-back!

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Primi piatti: minestre & zuppe. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Crema di zucca e patate

  1. Cesca*QB ha detto:

    Sono felice con gli occhi a cuoricini, grazie per la ricetta!!!!
    La inserisco al volo.
    Un abbraccio 🙂

  2. Cristina ha detto:

    molto interessante, non ho mai messo dei legumi nella crema di zucca.
    prossima volta la metto 🙂

    ma soprattutto: i semi di zucca devono subire il trattamento che hai descritto per essere mangiati?ne ho un bel po’ 🙂

    • neofrieda79 ha detto:

      Ciao cara! Ci sono diverse teorie per preparare ‘le brustoline’, questa è solo una delle tante ed è di area veneta. In Emilia li si massaggia con olio extravergine d’oliva e sale e si infornano a 180° finché non iniziano a scoppiettare. Puoi mangiarli anche crudi ma non sono comodissimi! Fammi sapere se li provi!

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...