Il Giovedì del Libro di Cucina: Raw Garden

Isabella ci parla di ‘Il cucchiaio arcobaleno’
Simonetta ci parla di ‘Il libro di cucina’

Torno sul tema raw food e sul tema orto. Perché, come dicevo la scorsa volta, ricette con vegetali che un po’ si discostano dalla triade sedano-carota-cipolla, o dal pentagono bietola-zucchina-pomodoro-peperone-melanzana, rischiano di essere etichettate come velleitarie. Se non si sono mai messe le mani nella Terra, neanche per un mini-balcone.

A differenza dell’accattivante testo di cui parlavo qui, questo è un vero e proprio manuale di studio. Bianco e nero, niente foto ammiccanti, non vuol essere un lussuoso specchietto per allodole ma piuttosto un pratico approccio per chi si impegna in cucina.

Documento acquisito

Circa 1/5 del libro è occupato da un’interessante introduzione. Scontata per chi coltiva il proprio orticello da anni, è invece sintetica e utile a chi si approccia per la prima volta a piante e semi. Io direi: in generale, a chi si approccia all’alimentazione naturale. Il percorso vegan-salutistico, vegan-olistico, vegan-consapevole o come volete chiamarlo è un percorso di conoscenza! Che ne dite?

Un po’ di lontananza che avverto dall’autrice: ella parla di allevamento delle api, per quanto condotto in modalità il più possibile rispettosa. Ma su questo vorrei tornare con testimonianze di chi l’ha praticato. Inoltre, nel suo terreno prevede volatili addomesticati. Ecco, anche qui: non è il mio sogno. La mia ‘Vegan Permaculture’ o ‘Vegan Natural Agricolture’ contempla solo gli animali selvatici. Ma qui vado off topic, e preferisco condensare in un successivo post.

L’interesse di questo bel libretto, le cui ricette sono agili e più salubri della media dei gourmet raw foodists, sta nel fatto che traspare appunto un’esperienza di vita vissuta. Per esempio, di una Harvest Salad, l’autrice racconta la gestazione: era stata invitata a produrre ricette contestuali a un Farmer’s Market, con ingredienti rigorosamente di stagione e locali, e senza usare energia elettrica. Che per me è una grossa perplessità..naturale, ipertecnologico, iperenergivoro? uhm uhm. Non sufficientemente armonico per dormire sonni tranquilli.

Altro punto di forza: si tratta, in un certo senso, di una raccolta antologica. Lisa riporta ricette non solo sue, ma di altri autori, ortisti e raw people; a volte ci racconta qualcosa di sé e di loro, lasciandoci con uno spunto webografico o bibliografico da approfondire, altre si limita a citarne il nome.

Documento acquisito2

A chi lo consiglio? Ad aspiranti crudisti, a cuochette e cuochetti già un po’ navigati, a ortolani veggie e non veggie. Soprattutto, agli appassionati, i cui orizzonti facilmente si dilatano.

Autore: Lisa Montgomery
Titolo: The complete book of raw food. Raw garden.
Casa editrice: Haterleigh
Anno: 2011
Pagine: 215

giovedi-del-libro-di-cucina

L’iniziativa del Giovedì vuol essere anche un cammino condiviso con il gruppo Facebook ‘Genitori Veg’. Io e le amministratrici riteniamo infatti che la recensione di testi di cucina e/o di nutrizione possa interessare ai genitori che nel gruppo chiedono e portano consigli, referenze e confronto.

Unisciti anche tu a ‘Il Giovedì del libro di cucina’! Ti aspettiamo!

Curioso della mia libreria Anobii?

Eccone una parte: http://www.anobii.com/neofrieda79/books

Chiedi una recensione e ti sarà data!

Altre chiacchiere? Venite ad animare la pagina Fb di Passato tra le mani! Vi aspetto!

E per chi vuole le ricette direttamente in casella di posta, menù nella colonna di destra! Iscrivetevi, e mandatemi i vostri feed-back!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Il Giovedì del Libro di Cucina, Raw Food e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il Giovedì del Libro di Cucina: Raw Garden

  1. labalenavolante ha detto:

    Ciao Annalisa! Il giovedì è un piacere pensare che c’è questo appuntamento con la rubrica del Giovedì del libro, per me che rientro tra gli ortolani, gli appassionati e gli aspiranti.. direi che ogni suggerimento per ampliare gli orizzonti e scoprire nuovi punti di vista è più che ben gradito. Oltretutto, visto il mio inglese arrugginito, direi che un po’ di sano esercizio male non fa!!! Un bacione!!

  2. Anna&Ipa&Silo ha detto:

    Anche per me è un piacere leggerti! Fammi sapere e se ti serve del materiale chiedi pure 😀

  3. Daria ha detto:

    Ogni volta degli ottimi suggerimenti! Lo descrivi così bene che mi fai venire voglia di leggerlo! A presto!

  4. letissia ha detto:

    Una gran bella recensione! Grazie Neofrieda 🙂

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...