Insalata della vendemmia e Germogli di soia

Perché con la maiuscola? Perché non si tratta del celeberrimo ingrediente della cucina cinese, ma del blog di Cristina! Non ho ancora sistemato la mia pagina dei link. E, in ordine sparso, vorrei si arricchisse di persone con cui sento davvero di condividere un pezzetto di vita. Pelle a pelle, come spero prima o poi accadrà con tutte. Ma anche virtualmente. Sebbene, come sappiate, io cerchi sempre di attraversare lo schermo..

L’insalata è stata presentata alla cena a base di erbe spontanee* dello scorso 14 settembre. E’ un mix che funge un po’ da ponte tra l’estate e l’autunno.

IMG_0297

Insalatina fruttata

Ingredienti

lattuga

radicchio

crescione

mele estive

pere estive

melissa

portulaca

uva

ravanelli

semi di sesamo

succo di limone

aceto di vino o di mele

olio evo

semi di senape bianca

(o senape in pasta)

sale marino integrale

Procedimento

affettate le mele e le pere, se possibile mantenendo la buccia. Irrorate subito con il succo di limone. Tritate e affettate gli altri ingredienti. Della portulaca invito a usare soprattutto le foglie, riservando i rametti alla cucina quotidiana. Preparate un’emulsione con l’olio, l’aceto e il sale, i semi di senape pestati (pochissimi!) e conditevi l’insalata.

Vi dicevo del piacevole blog Germogli di soiaCristina è una fattucchiera poliedrica: non solo si dedica all’orto e alla cucina, ma anche alla cosmesi cruelty-free! Qui sotto trovate degli splendidi saponi preparati e confezionati da lei: la confezione riciclosa minimal-chic mi ha esaltata!

IMG_8032

Ho chiesto a Cristina di raccontarsi in qualche riga e vi lascio con le sue parole, vivaci e calde.

Com’è cominciata…il fatto è che sono così orgogliosa di essere diventata vegetariana che voglio che tutti lo sappiano. per me è stato veramente un grande grande passo mosso in primis dall’etica, dalla compassione (nel vero senso, quindi cum patior, sono partecipe del tuo dolore), dall’amore.

E così ho deciso di iniziare a condividere.
Internet sotto questo aspetto è meraviglioso!Ti permette di condividere tutto quello che vuoi.
E così ho aperto un blog, quasi due anni fa. Nel corso del tempo poi io mi sono evoluta e il mio scrivere pure, perché oltre alle scelte etiche si sono aggiunte sempre più quelle politiche. Si è fatto strada in me questo sentimento di uguaglianza, questo filo conduttore, questa unione fra tutti gli appartenenti al mondo animale.
Spesso comunque è difficile scrivere quello che veramente penso, soprattutto se il concetto di fondo è molto complesso. In più, spesso e volentieri, il concetto di fondo non solo non è condiviso, ma è oggetto di derisioni, critiche, attacchi.

Di frequente mi chiedo il significato dei miei post: avranno un senso?serviranno a qualcuno?perché leggere quello che scrivo?non lo so. Però per me hanno un senso e quello che scrivo serve a me.
Non ho un riscontro nella vita “reale”, e per fortuna! 🙂 non sono molto…ehm…amichevole. Purtroppo i rapporti umani sono estremamente complicati e instabili e quindi mi riesce un po’ difficile relazionarmi.
Però insomma, su internet so anche essere educata e gentile 🙂 ci provo e mi sforzo.
Anche perché vorrei veramente che il resto del mondo guardasse ai vegani con un occhio analitico (e non critico). Le cose da scoprire sono veramente tante, in primis che i vegani non si sentono superiori a nessuno, proprio per questo sono vegani!!!!!
Ovviamente il mio grande sogno è che la gente si renda conto di quanta violenza infliggiamo giorno dopo giorno a meravigliosi esseri senzienti. Intanto vivo nel disagio e nella derisione continua 🙂 che almeno via post non c’è (per adesso).
E’ complicato esprimersi ed è complicato comunicare e quindi cerco di spandere i miei messaggi tramite le foto (siamo messe bene 🙂 ) e le ricette. Perché veramente, è stato supersemplice per me passare da nonveg a veg, dovrebbe esserlo anche per tutto il resto del mondo 🙂
In più per me l’unico modo per non sopraffare nessuno è autoprodurre ciò di cui si ha bisogno. Per questo ho moltissime saponette a stagionare nello sgabuzzino, ho delle creme cosmetiche colorate e non profumate nel frigorifero, ho un armadietto pieno di erbe officinali pronte per curare ogni malanno 🙂

non si può far tutto, ma almeno sforzarsi un pochino…

 

Mille grazie per averci raccontato di te!

Curioso della mia libreria Anobii?

Eccone una parte: http://www.anobii.com/neofrieda79/books

Chiedi una recensione e ti sarà data!

  • Altre chiacchiere? Venite ad animare la pagina Fb di Passato tra le mani! Vi aspetto!

    E per chi vuole le ricette direttamente in casella di posta, menù nella colonna di destra!

    Iscrivetevi, e mandatemi i vostri feed-back!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Chiacchiere: veg* amicizie, Chiacchiere: vi presento.., Erbe aromatiche e spezie, Fitoalimurgia, Germogli di soia, Gluten free, Insalate, Raw Food e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Insalata della vendemmia e Germogli di soia

  1. Daria ha detto:

    Che ottima e insalata e che bella presentazione di Cristina… sento un feeling con lei, spero un giorno di poterla conoscere anch’io! Un abbraccio a tutte e due!

  2. Venus In Fur ha detto:

    davvero interessante….

  3. ha detto:

    Una presentazione che incuriosisce molto e io sono assolutamente affascinata dalle insalate 🙂 bacio

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...