Le ricette di Tamara: Salsa di achillea e finocchietto selvatico

Lunedì di Pasquetta abbiamo radunato a casa nostra qualche amico per un incontro sul tema delle erbe spontanee, ognuno ha preparato qualcosa e poi abbiamo condiviso tutto. Purtroppo il tempo metereologico non è stato clemente e non tutti hanno potuto contribuire con una pietanza a base di erbe spontanee, comunque era tutto buonissimo e preparato con amore.
Il menù che avevo preparato io era il seguente:
– bruschettine con salsa di achillea e finocchietto
– linguine con pesto di erba cipollina
– frittata di ceci alle erbe selvatiche (con erba cipollina, ortica, malva, menta, finocchietto, tarassaco e foglie di sedano)
– insalata gentile con stellaria (che ho scoperto grazie ad Annalisa)
– pane di farro, pane di grano duro e pane di segale con semi di finocchio e di girasole
– colomba veg
Ma veniamo alla ricetta!

pasqua045

Ingredienti:
– un mazzetto di foglie di achillea
– un mazzetto di finocchietto selvatico
– due cucchiaini di cren appena grattuggiato
– uno spicchio d’aglio
– 5/10 capperi… non li ho contati 😉
– olio evo

Lavate le erbe e i capperi e tritate finemente eliminando eventualmente gli steli più duri dell’achillea. Aggiungete l’aglio schiacciato con lo spremiaglio (in alternativa potete tritarlo insieme al resto) e il cren grattuggiato. Mescolate bene aggiungendo olio sufficiente a ottenere una specie di pesto spalmabile.
La decorazione con i fiori è facoltativa, ma molto scenografica, ed è stata gentilmente offerta dalla mamma di Giulia… io confesso che non c’avevo pensato 🙂

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fitoalimurgia, Generale, Le Ricette di Tamara e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Le ricette di Tamara: Salsa di achillea e finocchietto selvatico

  1. neofrieda79 ha detto:

    Onorata di averti incuriosito della stellaria 🙂 grazie per l’argomento, come sai il mio preferito 😀

    • Tamara ha detto:

      e ci è anche piaciuta tanto 🙂 … in realtà quella che avevo preparato lunedì non l’ha mangiata nessuno, perchè eravamo tutti supersazi 😉 ce la siamo pappata io e Rodri il giorno dopo 🙂
      L’interesse per le erbe è una cosa che abbiamo in comune, come sai, e con loro possiamo fare delle ricettine veramente sfiziose a costo quasi 0 e a km 0,0 😉
      Un abbraccio

  2. lacasasullaScogliera ha detto:

    sono piccanti? se lo sono, anche meglio. i fiori per decorazione rendono il piatto primaverile e molto bello. baci
    E.

    • Tamara ha detto:

      La salsa è leggermente piccantina per la presenza del cren e dell’aglio, con queste dosi i gusti sono ben equilibrati, un eccesso di cren coprirebbe tutti gli altri sapori. Sì i fiori sono proprio scenografici ❤

  3. Ale ha detto:

    Erano buonissime queste tartine e tutto il menù!!! Hai anche dimenticato un po’ di roba: Tamara potrebbe sfamarci tutti con le sue produzioni, tanto prepara! ^_*
    Link aggiornato!

  4. paneepomodoro ha detto:

    Questa bruschettine fanno davvero gola! Speriamo che questo tempo si riprenda al più presto e ci permetta di andare per campi a raccogliere le nostre amate verdure e qualche fiorellino edule!

    • Tamara ha detto:

      Siii erano golose e buone, l’achillea è una delle mie piante preferite: bella e profumata, foglie gustose e fiori ricchi di proprietà! Dai che, almeno qui da noi, sembra che il tempo si stia aggiustando: il mio prato è ben puntellato di giallo tarassaco 🙂

  5. elenadir ha detto:

    Mi è dispiaciuto non esserci, ma spero di recuperare entro fine mese. La stellaria sarebbe il centocchio? se si ne ho le aiuole invase, intanto ieri ci siamo pappati i carleti (la silene) e sto aspettando con ansia che spuntino le rosole e i nuovi boccioli di tarassaco (quelli messi sott’aceto l’anno scorso sono quasi finiti, e solo perchè mi son decisa ad assaggiarli tardi)

    • Tamara ha detto:

      Ciao Elena, stellaria = centocchio, è molto buona, gustosa, per niente amara. La silene vulgaris non ce l’ho (ma mi piace tanto), in giardino abbiamo solo la silene alba (quella con le foglie più grandi) ma non so se è mangereccia. Anch’io voglio preparare i boccioli di tarassaco e lo sciroppo con i fiori, per il momento ieri ho fatto i dolcetti con i fiori di tarassaco e iol muesli.
      Ci sentiamo via mail per fine mese, ok?
      Un abbraccio

      • neofrieda79 ha detto:

        PUoi mangiare ogni specie di Silene, ma la vulgaris è la meno coriacea 🙂

  6. letissia ha detto:

    Che salsina squisita deve essere! Hai detto bene: costo (quasi) 0 e km 0! Evviva! 🙂

  7. Pingback: Salsa d'achillea - Foglie di Alchemilla

  8. Pingback: Achillea millefolium L. | CaVegan

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...