Biscotti all’okara e gocce di cioccolato

Buongiorno a tutti!

L’archivio Bozze dei post che avrei voluto scrivere a gennaio è straripante, così mi limito a una ricettina testata domenica, in compagnia di Silo che vigila costantemente sulla Mamma marsupiale

IMG_7096

Soprattutto, colgo l’occasione per girarvi l’invito last minute di una coppia, carissimi amici, che passa il tempo a spulciare la più aggiornata letteratura scientifica. Valentina e Carlo, domenica 10, ci propongono una gita a Venezia: non per il Carnevale, ma per un incontro cioccolatoso. Teoria di nutrizione, ricette e assaggini sfiziosi! Chi non viene non sa cosa si perde. I dettagli? Ah, vi ho convinto 😉 eccoli qui

18BGLYHX-Q4qnzzurvF-ATG-eLPRKvxtP

Veniamo alla ricetta: velocissima, per i miei gusti stra-dolce, in casa l’han giudicata goduriosa al punto giusto. Vi dirò che ho versato più malto di quanto avevo previsto, la logistica con solo due dita libere è complicata 😉 le mamme marsupiali mi capiscono. La consistenza è simile agli amaretti morbidi, Sassello e affini, con una crosticina minima esterna e un cuore tenero all’interno.

Ringraziamenti: di solito leggo, mi ispiro e mi dimentico. Non so perché, mi ricordo distintamente di aver letto biscotti simili, con okara e cereali – ma non rammento il resto 😉 in un commento di questa bella donna, che ringrazio. Vi consiglio il suo blog, allegro e praticissimo!

IMG_7091

Ingredienti:
300 gr okaraautoprodotta!
300 gr farina integrale – autoprodotta!
150 gr malto di mais
150 gr malto di riso
100 gr fiocchi d’avena
100 gr cioccolato fondente ridotto in gocce – FairTrade
10 gr lievito a base di cremortartaro
scorza grattugiata di un’arancia
sale marino integrale


Procedimento:
se si desidera evitare la lodevole operazione di masticazione dei fiocchi, mescolare l’okara agli stessi qualche ora prima e lasciar riposare. Impastare con i due tipi di malto e l’arancia. Versare gli ingredienti secchi ben setacciati  e lavorare velocemente. Deve risultare morbido ma lavorabile. Prelevare palline della grandezza di una noce, appiattirle tra le mani. Stenderle su una teglia foderata di carta forno e cuocere a 175° per 10′-15′. Mi raccomando: quando li sfornate devono essere ancora improntabili. Solidificano dopo, come tutto ciò che non contiene uova!

Sullo sfondo l’onnipresente Torta Isabella, ovvero un’ottima idea di Isabella Siciliano su come impiegare l’okara senza impazzire con la bilancia. Questa volta avevo usato cacao FairTrade, uvetta e mele cotogne preventivamente cotte.

Altre chiacchiere? Venite ad animare la pagina Fb di Passato tra le mani! Vi aspetto!

E per chi vuole le ricette direttamente in casella di posta, menù nella colonna di destra! Iscrivetevi, e mandatemi i vostri feed-back!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Biscotti e dolcetti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Biscotti all’okara e gocce di cioccolato

  1. auroraluce ha detto:

    che meraviglia!! devo provarli ! grazie

  2. mammavegana ha detto:

    Qualche domanda (interessata… dato che ho sempre chili di okara da smaltire)
    Come mai due tipi di malto? Solo riso non va bene?
    Lievito senza cremortartaro no?
    (Ok, avrai capito che sono una pigrona che non ha voglia di andare a fare la spesa…)
    Grazie!
    P.s. habemus (quasi) pediatram! 🙂 Finalmente ti scrivo qualcosa!

    • neofrieda79 ha detto:

      Oohh aspetto il tuo racconto allora!
      Due tipi di malto non tanto per la texture, che un po’ cambia e così mi è piaciuta molto, ma più che altro perché avevo terminato il riso 🙂
      Lievito da dolci, di solito quello bio è a base di cremortartaro..puoi sostituire col vecchio aceto e bicarbonato 🙂

      • Mamma Vegana ha detto:

        Allora posso usare un solo tipo di malto 😉 e quindi il lievito che ho in casa potrebbe già andar bene! (Coi dolci sono un disastro, nemmeno so che cos’è il cremortartaro!)
        Grazie per le spiegazioni!!!

      • neofrieda79 ha detto:

        Figurati! Sorry, sono stata frettolosa..Allora, le bustine Pane Angeli style, in sintesi, sono da usare per pulire i sanitari. Quelle di lievito per dolci bio di solito sono a base di cremortartaro, un acido organico che si forma dal deposito del vino in fermentazione, e bicarbonato. Per riassumere molto. Se vuoi più info chiedi, io sono qui apposta 🙂

  3. letissia ha detto:

    Bellini assai e da provare al più presto!
    Silo è meraviglioso, mi incanta! 🙂

  4. Mamma Vegana ha detto:

    Li ho fatti a modo mio 🙂
    Metà dosi di malto (cioè solo quello di riso), 4 datteri tritati e uvetta al posto del cioccolato.
    Sono venuti veramente buoni!
    Ora abbiamo dei problemi con l’okara perché s’è intasato il filtro della vegan star (infatti le ultime volte è venuta un’okara ottima… ma il latte sembrava acqua…) e stiamo impazzendo per pulire i buchini. Sigh!

    • neofrieda79 ha detto:

      Grazie del feed-back. Nella tua versione sarebbero piaciuti anche a me, la mia era troppo zuccherosa 😦 ma devo far mangiare la truppa 😉 e si va per aggiustamenti successivi. Ti dico una banalità, a mollo con aceto? Se hai acqua calcarea il pastone dipende anche da quello..O altrimenti alcol da cucina. Fammi sapere!

  5. Daniela ha detto:

    Bellissima ricetta!
    Ho un dubbio: il cremortartaro non andrebbe usato insieme al bicarbonato perchè sviluppi potere lievitante?

  6. neofrieda79 ha detto:

    Ciao Daniela, e benvenuta. Se leggi gli ingredienti infatti scrivo ‘lievito *a base* di cremortartaro’, perché il cremortartaro copre la sola parte acida, e ci dev’essere qualcosa di alcalino, come il bicarbonato, per far avvenire la reazione. Dipende dal tipo di lievito che hai acquistato, in alcuni, come quello che uso io, il bicarbonato è già addizionato.

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...