Torta salata di cavolo rosso..

..ovvero un fiore spuntato da un golosissimo ripieno viola!

IMG_6993

Vista la mole di impegni mia e del padre dei piccoli, pensavamo a un tranquillo Capodanno con Ipazia addormentata a letto, Silo addormentato addosso a me e due chiacchiere con la Zia di Casa. Nonostante le poco appetibili previsioni, quest’ultima era in trasferta da noi.

Poche ore prima mi è arrivato il graditissimo invito della Capra e abbiamo cambiato programma! Del menù, ottimo, abbondante e schiscettato chiedete a lei.

logo

Prima di mettermi in macchina con la tribù allattavo Silo, lavavo i piatti e preparavo questa torta salata. Grazie alle braccia opzionali, ovvero il mei tai in cui il due-mesenne trascorre giornate e nottate a mo’ di appendice mia.

Ingredienti:
pasta da pane all’olio*
Per la farcia:
cavolo rosso
okara
yogurt di soia o labné di soia*
alloro
cipolla rossa
pangrattato*
noce moscata
vino rosso
aceto di vino rosso
olio extravergine d’oliva
sale marino integrale
Per pennellare:
malto d’orzo e latte di riso emulsionati

Procedimento:
affettare sottilmente la cipolla e saltarla in olio e alloro. Salare. Unire il cavolo, saltare, sfumare con il vino rosso e con l’aceto. Unire l’okara e, se dovesse asciugarsi troppo, del brodo vegetale bollente e cuocere per almeno 15′ a fiamma bassa. Spegnere, unire noce moscata e labné. Amalgamare bene e lasciar raffreddare.
Stendere sottile sottile la pasta da pane e foderarne uno stampo da crostata nel fondo e nei bordi, lasciando sporgere un pochino la pasta.  Riempire con la farcia, livellare. Coprire con un secondo disco di pasta e ripiegare l’eccesso sul bordo, così da sigillarlo. Se avanza un po’ di pasta utilizzarla per farne disegni da appiccicare con un po’ di acqua. Se la farcia risultasse umidina, stendere un velo di pangrattato prima di versarla.
Pennellare con l’emulsione. Qui vedete l’autrice del bassorilievo che lo sta ripassando.

IMG_6989
Infornare a 175° per 40′, dopo i primi 20′ coprire con alluminio se la superficie scurisce troppo. Se è diventato troppo croccante, pennellare velocissimamente con acqua appena aperto lo sportello del forno. Io non vi ho detto nulla 😉

Le specifiche*
La mia pasta da pane era stata ottenuta con l’ennesima ricetta riciclosa: qualche settimana fa avevo voluto testare una marca di latte di soia caldeggiata da un’amica. Si trova al LIDL ed è dichiarata bio. La maionese mi è impazzita, evidentemente come tenore in lecitine non è il massimo! O chissà quali imperscrutabili processi di lavorazione l’han reso così poco adatto.

IMG_6999

Qui in alto vedete un pancarré ottenuto con i residui scongelati della disastronese di cui vi parlavo. Morbidissimo, golosissimo, la foto non rende giustizia perché è stato cotto nella MdP e l’impasto era pochino. La pasta della torta salata proveniva dalla medesima ciotola.

Il pane? Pangrattato da pane con PM, ovviamente!

Del labné di soia trovate la ricetta nel link che ho indicato. In vari e variopinti siti troverete la dizione ‘vegrino’, ‘Philadelphia veg*’ et similia. A me piace ricordare che si tratta di una preparazione tradizionale.

Altre chiacchiere? Venite ad animare la pagina Fb di Passato tra le mani! Vi aspetto!

E per chi vuole le ricette direttamente in casella di posta, menù nella colonna di destra! Iscrivetevi, vi aspetto!

Partecipo con questa preparazione alla sezione ‘Salato’ del bel Contest ‘Felici e curiosi’,proposto da Ravanello Curioso e da Felicia, . Giudice d’eccezione Marco Bianchi!

ravanello_banner03

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Antipasti, Generale. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Torta salata di cavolo rosso..

  1. Pingback: Felici e Curiosi, il contest! « ravanellocurioso

  2. isa-mammafelice ha detto:

    Ah! Il latte lidl! Per qualche misteriosa ragione non viene nemmeno lo yogurt nè il kefir 😉
    Mi chiedo come sia possibile visto l’elenco di ingredienti normale. Varietà di soia?
    Bhu.
    A presto 🙂

    • Anna & Ipa&Silo ha detto:

      E’ vero che esistono varietà di soia vocate, te lo dico per esperienza professionale. Ma illaziono sia piuttosto il metodo di lavorazione del chicco per estrarne il latte. Grande, ti prepari kefir di soia? Se riesci te ne chiederò un po’, sono anni che mi riprometto di cercarne e poi mi sfugge..

  3. Felicia ha detto:

    Favolosa!!!! sono felicissima per il vostro capodanno….. un bacione 🙂

  4. Ale ha detto:

    Che buona!!! E anche tanto bella con la decorazione! ^_^

  5. Federica Gif ha detto:

    ma dai! bellissimo tutto!! 🙂 complimenti 🙂 ciao, a presto

    Federica 🙂

  6. Anna & Ipa&Silo ha detto:

    Grazie di essere passata, sono venuta giusto ora da te! Un abbraccio!

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...