Un anno di Cucina Resistente, passato tra le mani

Come promesso e ripromesso, ecco qui il materiale presentato e discusso nel ciclo 2011-12 di ‘Cucina Resistente’. I pdf delle ricette presentate nei vari incontri, poiché la parte teorica è sempre stata snocciolata calibrandosi sulle richieste dei partecipanti. Ovvero Neofrieda non si è mai dedicata a una raccolta puntuale dei concetti che ama discutere, nell’ambito della nutrizione, della chimica alimentare, del consumo critico e in ogni angolino del quotidano. Prometto a breve una bibliografia e una webografia che saranno in costante aggiornamento!

Ancora grazie a chi mi ha convinta, mi ha aiutata e ai partecipanti tutti. E’ stata una bellissima esperienza, che mi ha permesso di alimentare i miei dubbi e di cercare nuove risposte, o di guardarmi attorno per acchiapparne al volo. Mi fermo qui ma avrei da scrivere per pagine e pagine, chi desidera mi chieda..

Mi scuso per la veste spartana e le pessime foto, ho molto da imparare e non vedo l’ora di ampliare i miei limitati orizzonti! Soprattutto, nell’immediato, imparare a chiedere. Visto che posso contare su amici non solo meravigliosamente bravi, ma anche meravigliosamente disponibili.

Procediamo..
Cliccate sui singoli titoli e scaricate! Provate, condividete, soprattutto criticate e migliorate. Per le domande, sono qui!

Attenzione! Con pdf viewer non si visualizza..dovete scaricare e poi aprire. O almeno, Ubuntu mi costringe a fare così.

1) Legumi: in realtà è stato spezzato in due momenti,

ricette per l’autunno

ricette per l’estate

2) Torte e crostate: ricette di basi, ripieni e salse

3) Cucina di Natale: un pranzo completo cruelty-free, strizzando l’occhio alla tradizione ferrarese!

4) Preparazioni di base: come autoprodurre bevande vegetali, seitan, tofu, yogurt di soia..

5) Formaggi vegetali: alcune idee dai nomi ironici e dalla sostanza..testata!

6) Cucina di Pasqua: un pranzo completo e festoso.

7) Fitoalimurgia: ricette con erbe spontanee. Il mio argomento culinario preferito!

8) Gelati e gelateria vegan: golosità cruelty-free

9) Dolci al cucchiaio: per un’estate sfiziosa

Aspetto i vostri feed-back! Vi ricordo che nella sezione Materiale scaricabile trovate già caricati altri pdf di vario argomento.

Vi ricordo anche, se gradite, la pagina Fb di questo blog!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Chiacchere: incontri divulgativi, Materiale scaricabile, Neofrieda e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Un anno di Cucina Resistente, passato tra le mani

  1. lacucinadellacapra ha detto:

    ♥♥♥ Grassie 😀

  2. Barbara ha detto:

    Io aspetto con ansia una replica perchè non ho potuto partecipare… 🙂

    • neofrieda79 ha detto:

      Alla Resistenza stiamo organizzando qualcosina prima di fine ottobre, e poi pensiamo a primavera. E chissà che poi non si sviluppi qualcosa insieme, no 😉 ?

  3. cucinadellanima ha detto:

    ciao..grazie di essere passata da me e avermi lasciato un commento. Altrimenti non ti avrei scoperta. I miei più affettuosi complimenti…davvero bello quello che fai…corsi compresi…chissà che anch’io un giorno…
    Brava. A presto! Laura

    • neofrieda79 ha detto:

      Grazie a te! Come hai visto ho poco tempo, ahimé, per seguire questo blog :-/ E invece ammiro tantissimo chi come te riesce con così tanta passione e tenacia a veicolare i messaggi attraverso un mezzo solo apparentemente anodino: internet

  4. veganlolita ha detto:

    Sei un mito!!!!grazie davvero di passarci e infonderci tutto quello che sai per prenderci cura della Terra e di noi stessi! Un bacione!

  5. Francesca ha detto:

    Grazie per la visita!! sono carnivora, lo ammetto ma mi hai messo voglia di scoprire cos’è l’okara (e non solo). Un abbraccio e a presto

    • neofrieda79 ha detto:

      Ciao Francesca e benvenuta! Sono contenta se ti ho incuriosita. L’okara è la parte fibrosa e minerale, la pappetta diciamo, che residua dalla preparazione del ‘latte’ di soia. Sto meditando un post apposito e scritto decentemente..

  6. beh, che ben! salvo scarico e invio a chi di dovere! grazie!

  7. neofrieda79 ha detto:

    Elisabetta è roba ‘vecchia’, ma dicono che funziona ancora 😉

Mani che han lasciato un'impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...